Pasta World Championship 2017: vince il siciliano Accursio Lotà

postato in: cucina, Giornalismo | 0

Pasta-world-championship-2017-ph-chiara-marando

E’ del siciliano Accursio Lotà il piatto vincitore del Barilla Pasta world Championship 2017: Spaghetti alla Carbonara di mare.

Trapiantato in California all’età di 22 anni, Accursio può annoverare nel suo curriculum clienti come Barack Obama. Una breve parentesi in Italia e il ritorno a San Diego sono state le tappe successive di crescita che lo hanno portato a diventare lo chef del ristorante “Solare”. E’ stato anche eletto Best Chef di San Diego per tre anni consecutivi, dal 2015 ad oggi.

A giocarsi la giornata finale insieme a lui altri due giovani chef: Keita Yuge, chef del ristorante “Quintocanto” a Osaka – Giappone, e Omri Cohen, chef del “Royal Beach Hotel” di Tel Aviv – Israele. Tre ricette, trenta minuti di tempo ad ognuno per realizzarle ed un’attenta giuria d’eccezione pronta a valutare le loro creazioni. Maestri della cucina stellata come Matteo Baronetto, Alfio Ghezzi, Lorenzo Cogo, Caterina Ceraudo e Roberto Rossi, insieme alla storica dell’enogastronomia Francine Segan e allo scrittore Tom Rachman.

Pasta-world-championship-2017-ph-chiara-marando

Ricette particolari, profumate e dal carattere molto personale, interpretazioni gustose di tre differenti formati di pasta.

Ad assicurare la vittoria ad Accursio Lotà è stata la reinterpretazione di uno dei piatti più cosmopoliti ed amati della tradizione italiana. Una base di carpaccio di ricciola, finitura i gamberi rossi di Mazara e la classica mantecatura con uova ma, questa volta, di salmone, bottarga di tonno, uova di riccio e caviale Osetra. Un racconto di mare dove non manca il guanciale, nel cui grasso sono state scottate le capesante adagiate sul piatto, completato da zeste di mandarino per un tocco di freschezza finale.

Pasta-world-championship-2017-ph-chiara-marando

“Sono particolarmente felice di questo riconoscimento – ha affermato Accursio Lotà– è stata già una grande emozione essere scelta tra i 3 finalisti e poi vincere è una gioia immensa – e in merito al suo piatto aggiunge – lavoro all’estero, ma le mie origini italiane mi impongono di rispettare la tradizione della pasta, a cominciare dalla cottura al dente. Preferisco “giocare” su salse e condimenti lasciando intatta la pasta, che nella sua semplicità è perfetta così com’è”.

Pasta-world-championship-2017-ph-chiara-marando

Pasta-world-championship-2017-ph-chiara-marando Pasta-World-Championship-ph-chiara-marando (4) Pasta-World-Championship-ph-chiara-marando (7) Pasta-World-Championship-ph-chiara-marando (11) Pasta-World-Championship-ph-chiara-marando (12) Pasta-World-Championship-ph-chiara-marando (13) Pasta-World-Championship-ph-chiara-marando (15) Pasta-World-Championship-ph-chiara-marando (18) Pasta-World-Championship-ph-chiara-marando (19) Pasta-World-Championship-ph-chiara-marando (26)

 

Articolo scritto per e pubblicato su Gazzetta dell’Emilia.it

Lascia un commento