O’naturel: al ristorante si va nudi

postato in: food, Giornalismo | 0

ristorante-o'naturel-chiara-marando

Per la maggior parte di noi uscire per andare a mangiare in qualche bel ristorante significa godersi l’attesa, riflettere sul momento della preparazione – in particolare per le donne –  e godersi il piacere del pasto soffermandosi ad osservare i particolari estetici dei piatti ordinati, per poi degustarli e percepirne il sapore. Il tutto, ovviamente, condito da quella particolare tendenza del guardarsi attorno perché, inutile negarlo, il gusto del passare in rassegna la sala in cui ci si trova c’è.

Ecco, pare che questa piccola sintesi di atteggiamenti e abitudini possa venire meno. O così sembra in uno dei ristoranti più particolari aperti da poco tempo, esattamente il 2 novembre, nella meravigliosa Parigi. Già perché al ristorante O’naturel si prediliga l’abito adamitico, completamente al naturale.

Questa idea era stata già sdoganata a Londra, dove il locale pop-up The Bunyadi è divenuto simbolo del movimento libero dando il via alla più o meno piacevole abitudine di mangiare nudi.

Ed ora anche la clientela parigina potrà approfittare di una serata diversa dal solito. A decidere di intraprendere questa avventura sono stati i fratelli Mike e Stéphane Saada, esattamente nel 12° arrondissement, in rue de Gravelle. O’naturel è curato nei dettagli, accogliente e luminoso: una sala grande estremamente calda e pulita, tavole finemente apparecchiate e sedie con fodere usa e getta che vengono cambiate ad ogni passaggio, esattamente come la tovaglia. All’ingresso, prima di procedere verso la stanza principale, uno spogliatoio con armadietti personali in cui riporre e chiudere tutti gli indumenti ed oggetti. La volontà è quella di sedersi a tavola liberi da ogni orpello, per prestare attenzione solo alla piacevolezza del cibo e della compagnia.

Il menù proposto è squisitamente francese, con specialità della cucina tipica e qualche sfizio per completare l’offerta culinaria. I prezzi non sono proprio a buon mercato: il costo parte da 39 euro per antipasto e un piatto, con la possibilità di scegliere un dessert aggiungendo 10 euro.

Ad una prima impressione, le conclusioni su questa nuova apertura potrebbero essere poco favorevoli nel concedere un futuro lungo e prosperoso, in virtù di una città non molto incline alle stravaganze. Ma la realtà dei numeri è un po’ diversa: sarebbero circa 2.6 milioni i francesi che praticano con regolarità il nudismo e non lontano da O’naturel si trova il parco Bois de Vincennes di Parigi, appena inaugurato come zona per nudisti.

Ovviamente i titolari si sono subito premurati di sottolineare quanto il ristorante sia rigido in fatto di regole, questo per evitare problematiche o situazioni di difficile gestione. In altre parole, all’interno del locale vige una regola di buona condotta, ciò significa che non viene permesso altro che cenare, chiacchierare e conoscersi conversando. Non si sa mai che qualcuno si faccia prendere la mano.

 

Articolo scritto per e pubblicato su Gazzetta dell’Emilia.it

Lascia un commento