Food Revolution Day: si parla di cibo sano

postato in: benessere, food, Giornalismo | 0

food-revolution-day-chiaramarando

Cambiare si può, anche se si tratta di tematiche su scala mondiale, basta l’impegno di ognuno di noi, giorno dopo giorno, passo dopo passo. Ed è da questi piccoli passi che si può arrivare a vere e proprie rivoluzioni, inversioni di marcia positive, sviluppo verso un futuro migliore.

Queste sono le basi su cui si fonda il Food Revolution Day, la giornata promossa dallo chef, scrittore, conduttore televisivo e personaggio Jamie Oliver. E’ lui l’ambasciatore del cibo sano nel mondo ed è sempre lui che porta avanti questo progetto a livello globale.

Jamie Oliver

Quella del 20 maggio è stata la giornata che ha sancito la quinta edizione di questo appuntamento nato per ricordare l’importanza che l’educazione alimentare riveste nelle vita di tutti noi, di quanto sia rilevante per il pianeta nel suo insieme. Insomma, è sempre bene sottolineare una volta in più che le nostre scelte in fatto di cibo si riflettono sul mondo in cui viviamo, sulla sua sostenibilità e sull’ambiente.

Quest’anno l’evento è stato promosso in Italia dalla Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition che lo ha definito “come una vera e propria “ola globale”, che con eventi e manifestazioni, farà il giro del mondo e attraverserà tutti i continenti per coinvolgere istituzioni e opinione pubblica e far crescere la consapevolezza dell’importanza dell’alimentazione e, soprattutto, dell’educazione al cibo sano e buono attraverso tre semplici gesti: cucinarlo, condividerlo, viverlo”.

Per l’occasione, la Fondazione ha suggerito anche 10 consigli pratici utili per contrastare l’obesità e salvaguardare il pianeta:

1) L’educazione alimentare a scuola e in famiglia è fondamentale per diffondere sane abitudini tra bambini e adolescenti: promuovi e supporta campagne di sensibilizzazione;

2) Modera il consumo di carne e sceglie più spesso i legumi: è un bene per la salute e quella dell’ambiente;

3) Dai più spazio agli alimenti della tradizione mediterranea come frutta, verdura, cereali integrali e olio extravergine di oliva;

4) Limita il consumo di alimenti ricchi di grassi, sale e zucchero: dovrebbero essere solo un consumo occasionale;

5) Movimenta la giornata, inserendo l’attività fisica nella quotidianità: non solo spostandosi a piedi o salendo le scale, ma dedicando più tempo ad attività all’aria aperta;

6) Sii un consumatore consapevole: prendi informazioni sul percorso che il cibo ha fatto lungo la filiera alimentare, leggendo bene le etichette, prediligendo, quando possibile, prodotti locali e di stagione;

7) Riscopri la convivialità e il piacere a tavola. Prepara il cibo, scambialo, consumalo con altre persone, condividine il piacere;

8) L’alimentazione dei più giovani è fortemente influenzata dall’ambiente in cui crescono: prediligi cibi sani, un ambiente domestico stimolante, coinvolgi i ragazzi nella spesa e nelle ricette;

9) Non sprecare il cibo: controlla la data di scadenza, compra quello che serve, condividei le eccedenze;

10) Mangiare bene conviene a tutti: un regime alimentare che si basa sui principi della dieta mediterranea e su alimenti freschi può tradursi in un risparmio economico.

Si tratta di consigli importanti su cui vale la pena soffermarsi perché non è più possibile ignorare quanto la cattiva alimentazione sia diventato un problema grave che tocca soprattutto i bambini. I numeri a riguardo sono impressionanti e fanno riflettere: 42 milioni i bambini in sovrappeso sotto i 5 anni, una casistica che si traduce in veri rischi per la salute e può portare allo sviluppo di patologie quali il diabete, problematica purtroppo sempre più diffusa.

food-revolution-day-1

E a livello globale quanto incidono le nostre scelte alimentari?

Bene, sappiate che il cibo è l’elemento che contribuisce maggiormente al cambiamento climatico con una percentuale del 31% delle emissioni totali di gas serra provocate dai sistemi di produzione. Più in dettaglio, è la carne a detenere il podio negativamente con il 12% delle emissioni, anche se stanno aumentando quelle derivanti dall’agricoltura intensiva che stressa in modo preoccupante l’ecosistema.

Il Food Revolution Day tornerà l’anno prossimo, ma si tratta di una giornata, un solo giorno che deve servirci a cambiare il nostro modo di vivere, che deve trasformare il nostro modo di concepire la tavola e la quotidianità. Una filosofia da seguire, perché il cambiamento non si inizia domani….ma in questo momento.

Lascia un commento