Nasce CUBO: realtà professionali di Arte, Architettura e Design sinergicamente insieme

postato in: Giornalismo, storytelling | 0

Rivalutare un’area industriale, darle non solo nuova vita ma anche un’identità strategica , un carattere che fonde il passato con un presente creativo proiettato verso un futuro da costruire.

Questa è l’idea su cui si fonda CUBO, il progetto nato dalla fantasia visionaria di Eleonora che ha incontrato il favore  del proprietario dello stabile nel quale è inserito, ovvero l’ex polo industriale Mazzoni salotti, nonché l’entusiasmo delle tante realtà che con lei hanno dato corpo a questa struttura.

CUBO 2

Ma com’è nato CUBO?

In principio è stata l’apertura di LOPPIS al 1° piano dell’edificio, non un semplice negozio di arredamento vintage, piuttosto uno spazio nel quale oggetti dal design ricercato, testimoni di anni passati, vengono rivisti sotto una luce nuova e più moderna. E a dirla tutta, ci si può perdere nel mare di mobili ed accessori che cercano di farsi largo agli occhi del visitatore.

Ma LOPPIS è stata la miccia che ha generato la filosofia alla base del secondo piano, il concetto di PIAZZA come luogo catalizzatore di idee e progetti nel quale realizzare esposizioni, incontri tematici, dove confrontarsi e scontrarsi ma sempre e comunque in modo da costruire qualcosa di nuovo. Qui, Arte, Architettura e Design dialogano in una sorta di creazione partecipata in continua trasformazione, mutevole come lo spazio che la ospita, uno spazio ricco di quel fermento che favorisce l’aggregazione e la socializzazione. La PIAZZA racchiude il concetto del “divenire” ed apre le porte a corsi di formazione, alla cucina vista come ricerca, a degustazioni di prodotti selezionati e di alta qualità, ma anche a workshop, musica ed iniziative sociali ed editoriali.

Anche la sua forma richiama il pensiero di condivisione: un ambiente centrale sul quale si affacciano le diverse attività, tutte completamente autonome ed indipendenti l’una dall’altra. Un “secondo piano” che dà l’impulso a quelli successivi, collegati tra loro da un montacarichi, vera e propria spina dorsale dell’edificio, e sposa pienamente lo slogan che “nella vita ci vuole sempre un piano”.

Gli inquilini di CUBO sono realtà professionali e variegate legate a design, architettura , moda fino alla sperimentazione, attività capaci di mettere in risalto le rispettive diversità generando novità ed opportunità di dialogo.

CUBO è il contenitore, una scatola che raccoglie possibilità da sviluppare, una fucina in fermento proiettata verso nuovi obiettivi. Quali saranno, dove porteranno e cosa genereranno ancora è ignoto, ma certamente il seme è stato piantato e quando la forza di volontà, l’entusiasmo e l’energia positiva sono tante non può nascere che qualcosa di buono.

Cubo3

L’inaugurazione ufficiale è prevista per Sabato 14 novembre dalle 19,00, una serata con Dj set, installazioni, food&drink durante la quale sarà possibile incontrare le varie realtà presenti nella struttura che, per l’occasione, apriranno le porte al pubblico per mostrare ciò che più le rappresenta.

Ed ecco l’elenco degli “inquilini” di CUBO…a ciascun piano la sua sfaccettatura:

00 Loppis Galleria
01 Loppis Mercatino del Riusato
02 5LAB | BeArt 2766 | Clique rielaboratorio | EQ Projects | Studio Azzolini
03 Atelier 35 Architetti | Waxman Brothers | Alessandro Andrei | Andrea Valenti | Studio Z | Impresa F.lli Cerri
04 (work in progress)
05 Shin Ki Tai – Tempio delle arti marziali
06 spazio entropia

CUBO

Via La Spezia, 90

43125 Parma

Tel. 0521 336313

Lascia un commento