“Dal campo alla forchetta”: a ottobre apre FICO-Eataly World Tour

postato in: food, Giornalismo | 0

fico-eataly-world-tour-bologna-chiara-marando

La cultura del cibo di alta qualità, la bellezza della biodiversità del settore agroalimentare italiano e tutto il sapere di chi, da sempre, lavora per quell’eccellenza che rende il nosto patrimonio enogastronomico un unicum: questo è FICO – Eataly World Tour.

Un progetto ambizioso che vede al lavoro oltre trecento operai, per un totale di 80.000 metri quadrati di cantiere ed un investimento di oltre 100 milioni di euro tra capitale pubblico e privato, realizzato da un consorzio costituito da due Coop “rosse”, Cmb di Carpi e Cefla di Imola.

FICO, Fabbrica Italiana Contadina, è il grandioso parco alimentare che sta sorgendo a Bologna su progetto del Centro AgroAlimentare di Bologna e sotto la gestione di Eataly World, società costituita da Eataly e Coop.

fico-eataly-world-tour-bologna-chiara-marando

L’idea è quella di racchiudere in un unico luogo tutta la tradizione made in Italy, dal “campo alla forchetta”, mostrando e raccontando i vari passaggi della filiera e mettendo in risalto l’unicità che contraddistingue i prodotti dei diversi territori, la loro lavorazione, coltivazione e cura.

Sono circa 10.000 i metri quadrati destinati a pascoli, frutteti ed orti dimostrativi che arricchiranno la narrazione di quello che rappresenterà uno tra i centri alimentari più grandi d’Europa.

fico-eataly-world-tour-bologna-chiara-marando

FICO vuole diventare la struttura di riferimento per la divulgazione e la conoscenza dell’agroalimentare, il punto di incontro e scambio per tutti coloro che amano il cibo e desiderano conoscerne i segreti e la storia.

Questa volta Oscar Farinetti, l’imprenditore piemontese che ha fondato Eataly, ha pensato ancora più in grande: enormi spazi espositivi, 40 laboratori, ma anche 25 tra ristoranti, bancarelle, botteghe artigianali e chioschi che accoglieranno 6 milioni di visitatori l’anno tra italiani e stranieri.

fico-eataly-world-tour-bologna-chiara-marando

L’apertura è fissata per il 4 ottobre prossimo e si prevede che possa diventare un’attrazione internazionale capace di promuovere lo stile di vita italiano e la sua cultura del buon cibo e della tavola

 

Articolo scritto per Gazzetta dell’Emilia.it

Lascia un commento