Guida Michelin Italia 2019: 3 stelle a Uliassi e 29 novità

postato in: food, Giornalismo | 0

guida-michelin 2019

Il grande momento è arrivato e, come ogni anno, ha sorpreso tutti. La 64esima edizione della Guida Michelin Italia ha illuminato l’Auditorium Paganini di Parma con le sue stelle, tra riconferme, novità e qualche defezione.

E Parma si è riconfermata per il terzo anno location d’eccezione per questo evento unico e atteso, punto di partenza di un tour che toccherà anche Reggio Emilia per poi arrivare a Piacenza nel 2019, dove si svolgerà la prossima presentazione 2020, e tornare a Parma per un evento di portata europea. Insomma, il territorio dell’Emilia Romagna, la sua cultura enogastronomica, le sue tradizioni, la sua storia e l’unione che lega le varie città diventa simbolo di progresso, nel segno di un patrimonio da raccontare.

PRESENTAZIONE_GUIDA_MICHELIN_PARMA_2018_052.jpg

I NUOVI STELLATI

Sono ben 29 i nuovi ingressi stellati in guida, spalmati tra nord ma soprattutto sud dell’Italia, con un parterre di chef giovani, giovanissimi, segno di una sempre maggiore evoluzione della cucina che punta a parlare alle generazioni emergenti, forte di una base costruita negli anni dai veterani dell’alta gastronomia nazionale. Tra le novità stellate 15 ristoranti sono guidati da giovani talenti che hanno un’età uguale o inferiore a 35 anni. Tra questi, 10 hanno un’età uguale o inferiore a 30 anni.

Piccola delusione data dalla totale mancanza di nuove due stelle, un gradino sempre più alto che si dimostra difficile da scalare anche per ristoranti blasonati.

E qualche caduta. In questa edizione, a perdere la stella sono stati un maggior numero di locali rispetto allo scorso anno: “Stazione di Posta” – Roma; “Antica Osteria dei Cameli” – Ambiveré (BG); “La Conchiglia” – Arma di Taggia (IM); “Emilio” – Fermo (FM); “Ilario Vinciguerra” – Gallarate; “La Clusaz” – Gignod (AO); “Castel Fragsburg” – Freiberg, Merano; “Armani” – Milano; “Antonello Colonna” – Roma; “Magnolia” – Roma; “Dopolavoro” – Venezia.

 

I TRE STELLE FANNO 10

Nell’anno in cui l’omino Michelin festeggia il suo 120° compleanno, la nuova Guida Italia celebra i ristoranti tre stelle con un voto pieno: 10. Doppia cifra grazie al ristorante Uliassi, a Senigallia (AN). “Una storia, una passione, il mare. Da questo nasce una cucina che i fratelli Catia, in sala, e Mauro, lo chef, amano definire semplice e contemporanea. Vi convivono tecnica e tecnologia e una tradizione in continuo movimento, che si nutre dei loro viaggi e di tutto quello che li circonda. Il fascino di un mare sferzato dal vento si rispecchia nei piatti, di cui il pesce è l’ingrediente principe, ma co-protagonista a pieno titolo della loro sorprendente scena culinaria è la selvaggina. In un “posto pieno di energia, che è bello sempre”, un’esperienza memorabile, una cucina unica, che merita il viaggio, come richiedono le tre stelle Michelin.” Questa la definizione ufficiale data da Sergio Lovrinovich, Direttore Guida Michelin Italia

Un totale di 10 segnalazioni di eccellenza per le quali Michelin suggerisce di pianificare un viaggio. Nella 64a edizione, oltre alla news entry Uliassi, ecco i ristoranti tristellati 2019: Piazza Duomo ad Alba (CN), Da Vittorio a Brusaporto (BG), St. Hubertus, a San Cassiano (BZ), Le Calandre a Rubano (PD), Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (MN), Osteria Francescana a Modena, Enoteca Pinchiorri a Firenze, La Pergola a Roma, Casadonna Reale a Castel di Sangro (AQ).

PRESENTAZIONE_GUIDA_MICHELIN_PARMA_2018_222.jpg

UN PANORAMA STELLATO

Il panorama stellato della Guida Michelin Italia conta ben 318 ristoranti 1 stella, 39 con due stelle e 10 con tre stelle.

“Anche quest’anno, le stelle che i nostri team di ispettori hanno attribuito a 367 ristoranti sono un indubbio riconoscimento della ricchezza e diversità regionale della gastronomia italiana, fatta di prodotti, territorio e genuinità. Ed è sempre appassionante vedere come gli chef e tutte le persone alla guida di questi ristoranti diano vita e linfa alla scena culinaria italiana, armonizzando rispetto delle tradizioni e innovazione”. Gwendal Poullennec, Direttore Internazionale Guide Michelin.

 

I NOMI DELLE NUOVE 1 STELLA MICHELIN

1. A Porto Cervo, Confusion Lounge, Italo Basso
2. A Catania, Sapio di Alessandro Ingiulla
3. A Taormina, Saint George by Heinz Beck chef Giovanni Solofra
4. A Santa Cristina d’Aspromonte, Quafiz di Antonino ‘Nino’ Rossi
5. A Savelletri, Due Camini, chef Domingo Sghingaro
6. A Lecce, Bros, Floriano Pellegrino e Isabella Potì
7. A Bacoli, Caracol, chef Angelo Carannante
8. A Matera, Vitantonio Lombardo col locale che porta il suo nome
9. A Caggiano, Locanda Severino, Giuseppe Misuriello
10. A Vitorchiano, Casa Iozzia, chef Lorenzo Iozzia
11. A Viterbo, Danilo Ciavattini del locale omonimo
12. A Roma, il Moma con Andrea Pasqualucci
13. A Cerbaia, La Tenda Rossa con Maria Probst e Cristian Santandrea
14. A Lucignano, Al 43, chef Maurizio Bardotti
15. A Lucca, Il Giglio, Stefano Terigi, Benedetto Rullo, Lorenzo Stefanini
16. A Rimini, Abocar Due Cucine, Mariano Guardianelli
17. A Trieste, Harry’s Piccolo, Alessandro Buffa
18. A Madonna di Campiglio, Stube Hermitage, chef Giovanni D’Alitta
19. A Bolzano, In viaggio chef Claudio Melis
20. A Collepietra (Bz), Astra, chef Gregor Eschgfaeller
21. A San Bonifacio, Degusto Cuisine chef Matteo Grandi
22. A Verona, 12 Apostoli, Mauro Buffo
23. A Cernobbio, Materia, Davide Caranchini
24. A Pudiano (Bs), Sedicesimo Secolo, Simone Breda
25. A Torino, Spazio 7, Alessandro Mecca
26. A Torino, Carignano, Marco Miglioli
27. A Cioccaro, Locanda del Sant’Uffizio by Enrico Bartolini, Gabriele Boffa
28. A Novara, Cannavacciuolo Bistrot, chef Vincenzo Manicone
29. A Torino, Cannavacciuolo Bistrot, chef Nicola Somma

Non vanno dimenticati i premi speciali:

“Passion for Wine” a Lokanda Devetak dello chef Augustin Devetak;

“La Sala” a Casa Perbellini di Verona, dove la sala è coordinata dalla giovane Barbara Manoni.

“Qualità nel Tempo” alla Bottega del 30, chef Hélène Stoquelet;

“Giovane chef dell’anno” allo chef de I Portici a Bologna Emanuele Petrosino.

 

Articolo scritto per e pubblicato su Gazzetta dell’Emilia.it

Lascia un commento